Triadi maggiori con la chitarra: teoria e pratica

​Oggi parlerò di come suonare con una seconda chitarra in una band utilizzando accordi chiamati TRIADI.

Le triadi sono accordi utilizzati in tutti i generi musicali ad iniziare dal reggae, rhythm and blues, funky, rock, conoscerle in modo approfondito ci permetterà di proseguire con più sicurezza nella costruzione di accordi più complessi.

Oggi parliamo delle triadi maggiori, per ottenere le altre triadi (minori, aumentate e diminuite) sarà sufficiente aumentare o diminuire la quinta e la terza di un semitono.

Un po' di teoria

Prima di tutto una piccola presentazione teorica che ci aiuterà nella loro realizzazione ed utilizzo:

Le triadi sono accordi di tre note costituite dal primo, terzo e quinto grado di una scala.

La prima cosa che noterai è che sotto ad ogni nota abbiamo un numero romano che indica il grado della scala, quindi al primo grado della scala corrisponde la prima nota (Do), al secondo grado la seconda nota (Re) al terzo grado la terza nota (Mi) e così via…. 

Quindi con le note Do, Mi e Sol, possiamo costruire la nostra triade maggiore di Do, se invece delle triade di Do maggiore vogliamo costruire la triade maggiore di Sol dobbiamo utilizzare le note Sol, Si e Re, cioè il primo terzo e quinto grado della scala di Sol. 

Le triadi hanno tre posizioni: fondamentale, primo rivolto e secondo rivolto.

La tonica nella posizione fondamentale è al basso, nel primo rivolto è al canto e nel secondo rivolto è centrale.

Come si vede nel pentagramma nel primo e secondo rivolto la nota più bassa è stata trasportata all’ottava superiore.

​I quattro set di corde

​Sulla tastiera si hanno tre posizioni per set, con una quarta all’ottava:

  • ​Il primo set è formato dalle corde Mi, Si, Sol, cioè prima, seconda e terza corda;
  • ​Il secondo set  è formato dalle corde Si, Sol, Re cioè seconda, terza e quarta corda;
  • ​Il terzo set è formato dalle corde Sol, Re, La cioè terza, quarta e quinta corda;
  • ​Il quarto set è formato dalle corde Re, La, Mi cioè quarta, quinta e sesta corda;

Nelle triadi la prima cosa che dobbiamo identificare è la tonica, cioè la nota che dà il nome all’accordo, quindi nella triade di Do dobbiamo identificare la nota Do.

Nel primo set di corde la nota Do la troviamo sulla seconda corda primo tasto, sulla terza corda quinto tasto, sulla prima corda ottavo tasto, e sulla seconda corda tredicesimo tasto.

Schema della triade di Do sul primo set:

Schema della triade di Do sul secondo set:

Sul terzo set:

E sul quarto set:

​Iniziamo con gli esercizi

​Ed ora facciamo degli esercizi conclusivi sulle triadi, in questo esercizio suoneremo le triadi in altre tonalità e ​nella quarta misura le eseguiremo con un pedale, ovvero una nota comune a tutti gli accordi.

Primo esercizio sul primo set:

Secondo esercizio sul secondo set:

Terzo esercizio sul terzo set:

​Quarto esercizio sul quarto set:

Conclusione

Il brano introduttivo del video è formato dagli accordi C, G, D, A, E, tutti maggiori, che costituiscono anche l’armonia di un brano di Jimi Hendrix, Hey Joe.

La prima chitarra suona gli accordi sulla prima posizione, con le corde a vuoto, mentre la seconda chitarra esegue le triadi in posizioni più alte del manico.

Questa pratica è molto comune quando vi sono due strumenti armonici. Provate a sperimentare questi esercizi anche su altri brani: è un ottimo modo per migliorare come chitarristi ed in generale come musicisti.

Due parole sull'autore

Pierpaolo Manca

Pierpaolo è un chitarrista, compositore e didatta jazz con più di 40 anni di esperienza con lo strumento. Si è esibito in numerose rassegne, ha registrato tre dischi jazz con sue composizioni originali ed uno in omaggio alla musica di Stevie Wonder.

Pensieri sull'articolo?

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}

Altri articoli che potrebbero interessarti:

>